Spatzle con…le vongole!

Originally posted on paneepomodoro:

Una ricetta per EXTRA PASTA, l’iniziativa che vede protagonista l’olio extra vergine d’oliva e che è successiva a EXTRA DOLCE, di cui è già uscita la pubblicazione.

logo_EXTRAricette
Spatzle_01

La prima volta che ho assaggiato gli spatzle mi trovavo a San Martino di Castrozza. Era estate e, dopo delle lunghe camminate, ci fermavamo a mangiare nelle malghe i piatti tipici trentini. Tornata in paese mi son subito procurata l’apposito attrezzo per poterli fare anche a casa perchè ci erano piaciuti davvero molto. Da allora li ho mangiati con vari condimenti, ma il classico, quello con panna e speck, rimane sicuramente il migliore. Una volta li ho fatti anche verdi con gli spinaci nell’impasto… eccezionali.

Peccato che dopo le prime volte la grattugia mi si sia arrugginita e quindi dovetti buttarla! In mio aiuto è arrivata la mia amica Micaela che da Trento mi ha portato la sua “grattugia” e ho potuto…

View original 238 altre parole

Pici mediterranei su letto di carciofi

Originally posted on paneepomodoro:

Una ricetta per EXTRA PASTA, l’iniziativa che vede protagonista l’olio extra vergine d’oliva e che è successiva a EXTRA DOLCE, di cui è già uscita la pubblicazione.

logo_EXTRAricette
Pici mediterranei_09

Da mesi seguo in sordina l’MTChallenge senza avere il coraggio di partecipare fino a quando una mattina, davanti ad una bella tazza di tè fumante, mi ritrovo con Cristina a parlare di tutti i nostri progetti culinari e lei se ne esce con “Ma perchè non partecipi all’MTChallenge?” E siccome non era la prima volta che me lo chiedeva mi son fatta coraggio e sono andata a vedere la sfida di questo mese e a cercar di capir bene le regole. E cosa leggono i miei occhi? La Patty che propone i pici! E, me ne vergogno da morire, da toscana ancora io, non solo non li ho mai cucinati, ma neanche li ho mai mangiati. Una sfida che allora è…

View original 814 altre parole

Paccheri ripieni di carciofi e patate con granella di pistacchio

paneepomodoro:

Una ricetta a cui sono molto affezionata e la cui partecipazione ad Extra Pasta mi rende orgogliosa!

Originally posted on paneepomodoro:

Una ricetta per EXTRA PASTA, l’iniziativa che vede protagonista l’olio extra vergine d’oliva e che è successiva a EXTRA DOLCE, di cui è già uscita la pubblicazione. Entrambe fanno parte della collana EXTRA RICETTE.

logo_EXTRAricette
Paccheri ripieni_03

Quando fuori dal portone di casa tutto va di corsa e gli impegni si rincorrono, quando le amministrazioni ti fanno perdere un sacco di tempo a far file e a cambiar uffici, quando il traffico ti assilla, riuscire a ritagliarsi un po’ di tempo è una vera fortuna e per me il tempo speso meglio, escludendo quello dedicato ai miei figli, è quello trascorso in cucina. Comporre un piatto per me è come realizzare un progetto: ogni piatto ha la sua importanza. Combinare gli ingredienti e armonizzarli fra loro non è sempre facile, ma quando ci riesco è motivo di grande soddisfazione. E quando poi il piatto incontra il gusto (e anche la vista e…

View original 423 altre parole

Roscòn de Reyes per la Befana

paneepomodoro:

Un classico dolce dei paesi latini per la befana! Provatelo! Presto tornerò con nuove ricette!

Originally posted on paneepomodoro:

Roscon de Reyes_03

Qualche giorno fa girovagando nel web sono incappata nella ricetta di questo dolce che viene servito in Messico il giorno della Befana! Il blog in questione è Con le mani in pasta e questa è la sua ricetta. Incuriosita sono andata a ricercarla anche in altri blog, anche quelli in lingua ed ho saputo un sacco di cose interessanti riguardo a questa tradizione. Certo il web è una gran cosa in questi casi!

Come dicevo, il Roscon de Reyes (letteralmente Ciambella dei Re Magi) è un dolce tradizionale che viene preparato in occasione dell’Epifania, un dolce portafortuna perchè al suo interno vi si nasconde tradizionalmente una statuetta di porcellana che rappresenta un re magio (o una moneta) e chi la troverà nella sua fetta sarà re per un giorno! Ma oltre alla monetina si nasconde anche una fava (io un fagiolo!) e chi la troverà sarà colui che dovrà offrire…

View original 473 altre parole

Panettone gastronomico a forma di pandoro

paneepomodoro:

A me piace farlo a forma di pandoro, ma le feste di Natale non possono dirsi tali se non lo porto in tavola almeno una volta! Ve lo propongo per il cenone di fine anno!

Originally posted on paneepomodoro:

Ed ecco un’altra cosa che non può assolutamente mancare sulla mia tavola natalizia! Prendo a prestito l’idea di Sonia di GialloZafferano e, quest’anno, anzichè fare il panettone gastronomico faccio il pandoro che ha una forma ben più accattivante! Non amo molto i dolci natalizi, ma la versione salata del panettone è davvero d’effetto e, al centro del tavolo è quasi un dispiacere doverla tagliare. Ingredienti per il pandoro: 

  • 150 g di burro morbido
  • 250 g di farina Manitoba
  • 250 g di farina 00
  • 200 ml di latte
  • 15 g di lievito di birra
  • 10 g di sale
  • 2 uova

Alcuni ingredienti per le farce: 

  • 120 g di caprino
  • 300 g di gamberetti
  • patè di olive nere
  • 250 g di Philadelphia
  • 1 cucchiaino di concentrato di pomodoro
  • 4 pomodori secchi
  • 100 g di salmone affumicato
  • 3 cucchiai di salsa rosa
  • 100 g di prosciutto cotto
  • rucola
  • tanta fantasia

Procedimento: Versare nel…

View original 271 altre parole

Cantuccini? Si, ma alle acciughe!

paneepomodoro:

Ancora un’idea per il Natale!

“Con questa ricetta partecipo al contest Idee gustose per un regalo di Ideeintavola”

banner_definitivo

Originally posted on paneepomodoro:

Cantuccini con acciughe_01

Questa ricetta avrei voluto pubblicarla ieri per darvi la possibilità di prepararla per il vostro cenone di fine anno. Doveva dunque essere l’ultima ricetta del 2012 ed invece è diventata la prima del 2013! Questo perchè purtroppo ieri c’è stato un piccolo incidente domestico che ha scombussolato un po’ la nostra fine dell’anno facendocelo concludere non nel migliore dei modi, infatti il piccoletto di casa è caduto dalla sua bici nuova e si è rotto un dente. Sono incidenti classici dell’infanzia a cui però, nonostante tre figli maschi piuttosto turbolenti, non si fa mai l’abitudine e creano sempre notevoli preoccupazioni. Ve ne potrei raccontare un bel po’, alcuni, a ripensarci adesso, potrebbero sembrare anche “comici”, ma lì sul momento riescono a toglierti anni di vita! E quindi, per tornare alla nostra ricetta, a quel punto ho perso la fantasia di mettermi al pc.

Ovviamente si parla di acciughe e ultimamente…

View original 405 altre parole

Segnaposto di Natale: i Julecakes di Sigrid

paneepomodoro:

Un’idea diversa per i segnaposto di Natale!
Con questa ricetta partecipo al contest Idee gustose per un regalo di Ideeintavola

banner_definitivo

Originally posted on paneepomodoro:

Julecake_01

Io lo sapevo! Erano giorni che resistevo, ma lo sapevo! Non dovevo aprire il libro di Sigrid Verbert “Regali golosi” proprio sotto le feste di Natale! Ed ora eccomi qui a spignattare per amici e parenti… Troppo bello! Un sacco di idee carine e piene di charme, accattivanti e originali, ma sempre golose! Tanti biscottini in tutte le forme e… in tutte le “salse”, dolcetti, barattoli regalo e scatoline (lo scorso anno ne ho confezionate una marea per i miei biscottini!).

Quest’anno sono un po’ in ritardo: il fatto di non passare il Natale a casa a sfornare mangiarini per i miei familiari, mi ha tolto un po’ la fantasia ma l’altra sera avevamo amici a cena e stavo sfogliando il libro svogliatamente quando mi sono saltate agli occhi queste meravigliose briochine speziate. Per l’appunto avevo da poco acquistati questi deliziosi stampi di carta per panettoncini e, quale occasione migliore…

View original 325 altre parole

Confessione di una foodblogger in crisi

Ve ne sarete accorti dalla mia ormai lunga assenza: sto attraversando un periodo di crisi… definiamola “artistica”, di assenza di ispirazione e anche di voglia, lo ammetto. Sono alla ricerca di stimoli, di novità… Ho un po’ di “nausea” forse! Rassicuro tutti: non sono di nuovo in dolce attesa, ma sono solo un po’ stanca di chiedermi tutti i giorni “e stasera cosa porto in tavola?”.

A dirla tutta il blog in questi casi mi viene sempre in aiuto suggerendomi ricette fatte magari mesi fa, ma ammetto di aver trasgredito molto in questi mesi di assenza e di essere diventata una fedele cliente Bofrost. Ho riempito il congelatore e da lì spesso attingo quando proprio non mi va di alzarmi dal divano  fino all’ultimo momento. Poi vedo tutti i piatti cucinati dalle mie colleghe blogger e mi mangerei invece le mani, stramaledicendo questa mia svogliatezza.

Settimane fa vi confesso che ho pensato persino di chiudere “bottega” (blog) perchè in effetti il tempo che richiede la sua gestione è molto ed è tempo che spesso devo sottrarre alla mia famigliola, poi non ne ho avuto il coraggio ripromettendomi di organizzare meglio la mia vita, al momento un po’ caotica.

Ok, è un periodo e passerà, mi dico! Magari ne approfitto per mettermi un po’ a dieta che negli ultimi tempi non faccio altro che ciancicare!

Però torno, promesso! Ho già delle idee che mi frullano in testa…

Ringrazio tutti voi che so che nel frattempo non mi abbandonerete!

Bis di tartare di pesce povero

Tartare di palamita_01

Tartare di alici_01

Adoro il crudo, sia che sia di carne, che di pesce, che di verdure. E trovo che sia una delle preparazioni che più si prestano per una cenetta romantica come quella che ho organizzato per San Valentino. Certo, non devono essere grosse porzioni, perchè le piccole si degustano molto meglio.

Ve ne propongo due oggi (sono un po’ in ritardo, ma spero che riuscirete a prepararle una di queste sere) a base di pesce povero, con una sola ma importante raccomandazione: per questo tipo di preparazioni è molto importante tenere il pesce nel congelatore per almeno un paio di giorni, questo per scongiurare il pericolo di contaminazioni. Infatti, uno dei parassiti più pericolosi per l’uomo è l’Anisakis e può essere ucciso solo abbattendo il pesce (ovvero congelandolo). Quando poi deciderete di cucinarlo, basterà tirarlo fuori dal congelatore la sera prima e farlo scongelare in frigorifero, quindi prepararlo come meglio gradite.

La prima tartare è la più delicata ed è a base di palamita, un pesce dei nostri mari che oggi non viene cucinato molto, nonostante le sue carni assomiglino molto a quella del tonno (infatti attenzione alle frodi perchè la palamita costa davvero molto poco rispetto al tonno). In genere sono pesci di grossa pezzatura e possono anche essere venduti a trance. E’ un pesce che si sfiletta davvero molto facilmente, basterà avere un coltello molto affilato.

Io l’ho cucinato tenendolo in un guazzetto di salsa di soia e succo di arancia per un paio di ore.

La seconda tartare invece è fatta con le alici: è una tartare molto mediterranea perchè vi ho aggiunto pomodorini, capperi e olive. La ricetta è tratta dal libro di un noto ristoratore della mia zona: Luciano Zazzeri de La Pinetina di Marina di Bibbona. Il libro si chiama appunto la Baracca dello Zazzeri e, oltre a molte appetitose ricette a base di pesce (famosissimo il cacciucco dello Zazzeri) contiene anche numerosi aneddoti.

Ho modificato solo leggermente la ricetta aggiungendo qualche goccia di succo di limone.

download

Tartare di palamita

Tartare di palamita_02

Ingredienti per due persone:

  • 300 g di palamita pulita
  • 1 arancia (succo e scorza)
  • 2 cucchiai di salsa di soia
  • olio EVO
  • sale
  • rosmarino
  • pepe

Procedimento:

Con il coltello tritare la palamita piuttosto finemente, quindi metterla a riposare in un guazzetto fatto spremendo l’arancia e aggiungendo la salsa di soia, poco sale (la salsa di soia è già piuttosto salata), pepe, il rosmarino tritato e due cucchiai di olio EVO. Far riposare un paio di ore quindi impiattare aiutandosi con un coppapasta. Guarnire il piatto con un ciuffetto di rosmarino e la scorza di arancia tritata.

Tartare di alici

Tartare di alici_02

Ingredienti per 2 persone:

  • 300 g di acciughe
  • 1 cucchiaio di capperi sotto sale
  • 1 cucchiaio di olive taggiasche denocciolate
  • basilico
  • olio EVO
  • 8 pomodori ciliegini
  • poco succo di limone
  • sale
  • pepe

Preparazione:

Tritare finemente le acciughe con il coltello (ovviamente le avrete prima disliscate, pulite e tenute nel congelatore per un paio di giorni). Metterle in un piatto irrorandole con qualche goccia di succo di limone. Tritare nello stesso modo anche i capperi, le olive e i pomodorini. Unire tutti gli ingredienti compreso il basilico che avrete spezzettato a mano. Salare, pepare e aggiungere un filo di olio EVO. Mescolare bene e lasciar riposare un’ora. Impiattare aiutandosi con un coppapasta.