Ciambelline di meringhe al matcha con fiordilatte e amarena

Sarà che i miei genitori gestivano un bar quando io ero piccola, ma di vasetti di Amarena Fabbri ne ho visto una quantità incredibile e quando mi capita di incrociarne uno al supermercato la mia mente torna indietro nel tempo a quel periodo che ricordo sempre con grande piacere. E poi, nel caso di Amarena Fabbri, questa sensazione è ancora più accentuata poichè negli anni questo marchio ha mantenuto la stessa grafica e lo stesso stile: i barattoli sono sempre gli stessi e sono elegantissimi!

Le amarene si sposano perfettamente sopra a molti dolci e rendono accattivante anche un semplicissimo dolce da colazione.

Io le ho utilizzate sopra un buon gelato al fiordilatte che ho adagiato però sopra a delle particolari meringhe. Particolari perchè impreziosite dal thè matcha in polvere, un thè profumatissimo utilizzato anche in questa ricetta e in questa.

Fare delle buone meringhe non è sempre facile, ma se utilizzerete tutti gli accorgimenti vi verranno benissimo.

Ingredienti:

  • 140 g di albumi a temperatura ambiente
  • 140 g di zucchero a velo
  • 140 g di zucchero semolato
  • 1 cucchiaio raso di thè matcha

Procedimento:

In una ciotola mescolare lo zucchero semolato con quello a velo e il thè matcha.

Per montare a neve gli albumi potete servirvi di un frullino elettrico, del… vostro polso (!!!), di una planetaria, del Bimby e non so che altro! Io ho utilizzato lo Speedy Chef della Tupperware, che con poche rotazioni monta i vostri albumi e la vostra panna in modo fermissimo!

Qualunque strumento decidiate di utilizzare, cominciate a montare gli albumi. Quando cominceranno a perdere la loro trasparenza aggiungete metà zucchero e continuate a montare fino a quando non saranno montate a neve ferma, quindi unire l’altra metà di zucchero mescolando delicatamente dall’alto verso il basso.

Riempire una sac-a-poche con bocca a stella e formare con il composto le vostre ciambelline su una placca da forno ricoperta di carta.

Infornare per 80 minuti a 100°C, quindi spegnere il forno e aprire leggermente lo sportello per farle raffreddare lentamente.

Mettere una ciambellina per ogni piattino e adagiarvi al centro una pallina di gelato al fiordilatte e sopra ancora un’amarena insieme ad un po’ della sua salsina.

Polverizzare il piatto con un cucchiaino di thè matcha.

Gnocchi al thè Matcha

Quando ogni cosa coincide, ogni elemento è al posto giusto e il momento è propizio è il momento di agire!

E’ successo così per questi gnocchi: l’altro giorno mio marito è tornato a casa con una fantastica balla di patate rosse, adattissime per gli gnocchi. Da tempo avevo in mente di farli e per l’appunto, ero appena entrata in possesso di quella magica polvere che è il thè Matcha. Inoltre oggi è giovedì e, come si sa, il giovedì nella tradizione italiana si mangia gnocchi.

E così è stata anche in casa mia. Tra l’altro c’è anche un detto che dice:”Ridi, ridi che mamma ha  fatto gli gnocchi!!!” E io ho davvero bisogno di ridere visto che quest’anno mi son fatta la festa dell’ultimo anno di asilo e quella dell’ultimo anno delle elementari nel giro di una settimana! Che emozione, ma anche che nostalgia!

Questo piatto lo dedico a tutte le maestre dei miei figli: a quelle ormai lasciate e a quelle che incontreranno nella loro vita!

E proprio i miei figli si sono dati da fare a dare la giusta incurvatura a tutti gli gnocchi: 6 mani instancabili che rotolavano gli gnocchetti sui rebbi delle forchette, a volte utilizzandoli anche come rampa di lancio per queste pseudo-bombe!

Ingredienti:

  • 1 kg di patate rosse
  • 2 cucchiaini abbondanti di thè Matcha
  • farina per pasta e gnocchi dei Molini Rosignoli
  • sale
  • 10 foglie di salvia
  • 1 noce di burro
  • pepe dei piaceri Tec-Al
  • parmigiano reggiano grattugiato

Procedimento:

Lavare le patate e lessarle con la buccia in abbondante acqua leggermente salata. Per valutare la cottura aiutatevi bucandole con una forchetta o uno spiedino.

Sbucciare le patate e schiacciarle con l’apposito attrezzo. Mescolarle con il thè Matcha. Salare e cominciare ad impastarle con la farina Rosignoli adatta proprio per la produzione casalinga di pasta e gnocchi. Il quantitativo dalla farina dipende molto dalle vostre patate, ma non appena comincerete ad avere un panetto abbastanza sodo e che non appiccica le mani si può dire che è sufficiente. Non esagerate con la farina altrimenti rimarranno troppo duri una volta cotti.

Prelevate dei piccoli quantitativi da questo impasto e formare dei salsicciotti da cui ricavare gli gnocchi aiutandosi con un coltello. Infarinare bene tutti gli gnocchi in modo che non si appiccichino l’un l’altro e, se lo desiderate, potete passare ogni gnocco sui rebbi di una forchetta o sopra l’interno di una grattugia. Questa operazione oltre a renderli esteticamente più carini, servirà anche ad accogliere un maggiore quantitativo di condimento nell’incavo che si formerà.

Far sciogliere il burro in una padella e farvi rosolare le foglie di salvia che, oltre a rilasciare il loro aroma, diventeranno anche belle croccanti (i miei figli se le rubano l’un l’altro).

Cuocere gli gnocchi in abbondante acqua salata. Quando verranno a galla saranno cotti. Scolarli e passarli nella padella col burro facendoli saltare.

Impiattare spolverizzando di parmigiano grattugiato e di Pepe dei Piaceri Tec-Al, aiutandosi con il macina pepe.

Cheesecake monoporzione al thè Matcha

La cucina, si sa, è anche moda e spesso un semplice ingrediente può dettarla per diversi anni, per poi finire nel dimenticatoio.

In questo periodo si trovano spesso ricette a base di thè profumatissimi e che donano ai piatti le loro proprietà benefiche.

E’ il caso del thè che ho utilizzato per preparare questo cheesecake. Il Matcha, che in Giappone viene utilizzato nella famosa cerimonia del Thè, è un ingrediente molto utile in cucina che dona agli alimenti in cui viene inserito un caratteristico colore verde ed un sapore dolciastro. La sua versatilità è dovuta al fatto che esso viene ridotto in polvere e quindi si scioglie perfettamente quando viene incluso in bevande, yogurt, gelati, creme…

Ho preferito non aggiungere gelatine a questo cheesecake affinché si potesse apprezzare pienamente il sapore di questo thè, ma trovo che accompagnarlo con della frutta serva invece ad esaltarne il gusto.

Ingredienti:

per il biscotto:

  • 75 g di burro
  • 125 g di biscotti secchi tipo Digestive

per la crema:

  • 1 uovo
  • 150 ml di crema di latte
  • 1 foglio di gelatina (circa 6 g)
  • 150 g di Philadelphia
  • 5 g di thè Matcha in polvere
  • 50 g di zucchero

per guarnire:

  • caramello liquido
  • frutta fresca

Preparazione:

Tritare i biscotti (io preferisco lasciarli un po’ grossolani e non ridurli in polvere). Sciogliere il burro a bagnomaria o nel microonde (500 W per 1 min. 15 sec.)

Mescolare il burro con i biscotti, quindi distribuire questo composto negli stampini monoporzione (Torre Magica Tupperware), premendolo bene. Riporre in frigorifero in modo che possa ricompattarsi.

Mettere la gelatina ad ammorbidirsi nell’acqua.

Sbattere il tuorlo con lo zucchero e il thè Matcha (Quick Chef con lame). Aggiungere ora il Philadelphia e mescolare bene (Quick Chef con paletta).

Montare gli albumi a neve (con Speedy Chef) e unirli ai tuorli.

Scaldare un piccolissimo quantitativo di crema di latte e sciogliervi dentro la gelatina strizzata. Versare nel composto precedentemente preparato. e mescolare bene.

Montare la restante crema di latte e unirla al resto mescolando delicatamente con una paletta dal basso verso l’alto per evitare che la panna si sciolga.

Versare negli stampini su cui era stata creata la base di biscotto e riporre in frigo per almeno 12 ore.

Trascorso questo tempo, impiattare accompagnando il cheesecake con della frutta fresca e guarnendolo con del caramello.