Zonzelle

Chi le chiama chi Coccoli, chi Ficattole, chi Gnocchi fritti, chi Crescentine. Per me sono le Zonzelle, quelle che compravamo il sabato pomeriggio alla friggitoria prima di fare le famose “vasche” in centro!

In realtà altro non sono che l’impasto della pizza fritto in olio di semi. Buonissime da sole, ma diventano eccezionali una volta che si aprono e si riempiono con salumi e formaggi vari.

Ideali per pranzi in piedi e buffet. Ovviamente sono buonissime calde, ma tutto sommato anche fredde non vengono disdegnate (il giorno dopo i bambini – e non solo – non hanno lasciato neanche le briciole!)

La scorsa settimana sono venuti a trovarci degli amici carissimi: avevo in mente di fare la pizza (il mio piatto forte!), ma poi mi sono ricordata che già gliela avevo messa in tavola altre volte e quindi il menù è stato rivoluzionato.

Un piccolo consiglio: man mano che le friggete, mettetele in un contenitore chiuso che le mantenga calde, senza salarle altrimenti si ammosciano. Io utilizzo la Legumiera della Tupperware che in più ha anche un colino per far sgocciolare l’olio in eccesso.

Ingredienti:

  • 330 g di acqua
  • 15 g di lievito di birra
  • 20 g di olio EVO
  • 10 g di zucchero
  • 600 g di farina
  • 10 g di sale
  • olio per friggere

Preparazione:

Mettere tutti gli ingredienti nel boccale del Bimby (escluso l’olio per friggere!!!) nell’ordine in cui sono scritti.

Impastare 2 minuti a vel. spiga.

Far lievitare un paio d’ore.

Sgonfiare l’impasto e stenderlo su di un piano da lavoro (circa mezzo cm di altezza). Tagliare la sfoglia a losanghe della grandezza desiderata.

Immergere ogni losanga nell’olio bollente. Si gonfierà magicamente per accogliere nella sua pancia il vostro salume o formaggio preferito! Sgocciolare ogni zonzella e metterla nel contenitore in modo che rimanga calda.

Alla fine salare e servire a tavola immediatamente accompagnando con salumi, affettati, formaggi e salse.

Con questa ricetta partecipo al contest de “La Cultura del Frumento”:

 

Annunci

8 pensieri su “Zonzelle

  1. Brava Silvia! Sono affezionata a questa ricetta perché me la preparava la mia carissima zia Caterina, che è nata in provincia di Modena nel 1921. Lei le chiama “le paste fritte”, altri nelle sue zone lo chiamano “lo gnocco fritto”. Ora mi è venuta voglia di zonzelle.

    Mi piace

  2. Eeeeeeeee! A casa mia si chiamano coccoli. Sono la cenetta prediletta da me e dallo Stello quando non si sa che fare da cena (leggi bene: quando un c’ho voglia d’ingrullire a intrugliare!). Col prosciuttino crudo e lo stracchino… Ma anche “scempie”… Che goduria!!!!

    Mi piace

I tuoi commenti e i tuoi consigli sono sempre ben accetti e utili per migliorarmi:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...