Frittelle di fiori di acacia: aiuto! Un uomo in cucina!

Lo ammetto! Sono molto molto gelosa della mia cucina e, ogni qualvolta qualcuno vi si avvicina, anche solo per prendere un bicchiere di acqua devo farmi violenza per trattenermi.

Eppure non è la cucina dei miei sogni (e spero di cambiarla presto!) però è il mio angolo di mondo, il posto dove creo e dove, anche se nel caos, solo io so mettere le mani nel posto giusto.

Però una volta l’anno, e solo in questa occasione (e raramente in altre) cedo il posto a mio marito perchè lui è il promotore della ricetta di cui sto per scrivervi e perchè solo lui riesce a fare queste frittelle così buone. Ovviamente poi toccherà a me ripulire, ma ne sarà valsa comunque la pena!

E’ proprio da questa ricetta che è partita l’idea del mio nuovo contest.

Adesso però non chiedetemi le dosi perchè il nostro Uomo fa tutto ad occhio, possiamo solo approssimarci un po’ alle giuste quantità!

Ingredienti:

  • rametti di fiori di acacia
  • birra
  • zucchero
  • farina
  • olio per friggere

Procedimento:

Il procedimento è molto semplice. Si mescola la birra con la farina fino ad ottenere la consistenza di una qualsiasi pastella.

Si “sgranano” i fiori, cioè si separano i fiori di acacia dal gambo centrale e si lavano. Dopo di che si immergono nella pastella e si friggono a cucchiaiate nell’olio bollente.

Rotolare ogni frittella nello zucchero semolato e servire belle calde.