Pane con le ortiche

Pane con ortiche_02

Le ortiche, si sa, infestano i nostri giardini e non sono proprio simpatiche quando accidentalmente le si toccano. Noi anzichè combatterle abbiamo però deciso di farcele amiche perchè abbiamo scoperto che hanno un sacco di proprietà benefiche: è antianemica perchè ricca di ferro e di acido folico; è disintossicante, depurativa e  diuretica; è ricca di sali minerali quali fosforo, magnesio, calcio, silicio, manganese e potassio; e di vitamine A, C e K. E mi fermo qua! Le ortiche si utilizzano grosso modo nelle stesse ricette in cui si utilizzano gli spinaci e le altre verdure di campo, quindi via a ravioli, torte salate, frittate, risotti e quant’altro! Questa volta io le ho utilizzate per fare il pane sfruttando anche l’acqua di cottura che, si sa, è dove finiscono la maggior parte degli elementi. Mio marito addirittura, quella avanzata, se l’è bevuta!

Quindi dopo averle raccolte (coi guanti mi raccomando) pulitele e lavatele abbondantemente. Mettete sul fuoco una pentola capiente ma con pochissima acqua e, appena bolle, aggiungete le ortiche scolate. Mescolate e lasciate cuocere 2-3 minuti, non di più. Scolatele bene dunque se volete fare il pane e lasciate raffreddare, quindi procedete con la ricetta.

Pane con ortiche_03

Ingredienti:

  • 200 g di ortiche cotte e strizzate
  • 1 patata media lessa
  • 300 g di lievito madre rinfrescato la sera prima
  • 300 g di farina 1
  • 300 g di farina di kamut Ecor
  • 1 cucchiaio di olio
  • 1 cucchiaio di malto di mais
  • sale
  • circa 200 g di acqua di cottura delle ortiche

Procedimento:

Tritare le ortiche insieme alla patata. Aggiungere il lievito e il malto di mais e mescolare ancora nell’impastatrice. Aggiungere metà acqua di cottura delle ortiche e la farina e impastare. Se necessario continuate ad aggiungere acqua, ma fate attenzione perchè le ortiche hanno già apportato un buon grado di umidità. In ultimo aggiungere l’olio e il sale.

Continuare ad impastare a mano per 10 minuti.

Formare una palla e metterla a lievitare in una ciotola leggermente unta di olio.

Quando l’impasto avrà raddoppiato il suo volume, dividerlo in due e dare la forma ai vostri pani. Metterli in una teglia coperta di carta forno e coprire con un panno inumidito. Far lievitare ancora un paio di ore, quindi cuocere in forno con un pentolino di acqua per creare il giusto ambiente umido a 200°C per 10 minuti e 40 minuti a 180°C.

Far raffreddare su una griglia prima di tagliarlo!

Purtroppo le foto con il flash hanno alterato il colore del pane la cui mollica è di un bel verde acceso. Noi lo abbiamo mangiato strusciato coi pomodorini e insieme a delle uova in camicia (le mie prime uova in camicia) con asparagi selvatici.

Pane con ortiche_04

Pane con ortiche_05

Biscotti di Kamut con nocciole e cioccolato

Avevo messo da parte questo gioco per quando avessi avuto più tempo perchè volevo godermi con tutta calma la visita al blog Arte in Cucina di Vicky. Il tempo poi non basta mai e siccome tra poco ci saranno le nuove estrazioni per il gioco “Ci scambiamo una ricetta” di Il ricettario di Cinzia, mi son messa sotto ed ho avuto modo di apprezzare ogni ricetta di Vicky.

Principalmente le ricette di Arte in Cucina sono ricette senza glutine e, dal momento che ho un figlio che, seppure non essendo celiaco, è meglio che stia il più possibile lontano da questa sostanza, mi è tornata davvero utile questa visita e mi sono appuntata diverse ricette.

Questa volta ho preso però in prestito una ricetta che il glutine ne contiene perchè si utilizza la farina di kamut, ma, come mi ha spiegato l’omeopata che segue il mio bimbo, è glutine buono e facilmente digeribile.

Io uso spesso questa farina, sebbene le polemiche si sprechino a riguardo, perchè è una farina che si presta benissimo sia per la preparazione di dolci, che di pane e soprattutto di pizza. Buonissima per tutta la famiglia.

Ho apportato solo delle piccole modifiche per personalizzarla un po’, aggiungendo un ingrediente che, come si suol dire, ci sta “come il cacio sui maccheroni”, cambiando leggermente le dosi. Inoltre io mi sono servita del Bimby per impastare questi buonissimi biscottini.

La ricetta originale la trovate qui.

Ingredienti:

  • 200 g di farina di kamut
  • 100 g di burro
  • 90 g di zucchero
  • 1 uovo
  • mezza mela
  • la scorza di un’arancia grattugiata
  • 50 g di nocciole tostate
  • 1 cucchiaio di fiori di arancia secchi (zagara)
  • mezza bustina di lievito per dolci
  • 80 g di cioccolato fondente
  • 100 g di crema di latte

Procedimento:

Nel boccale del Bimby ho messo i fiori di arancia secchi, la scorza dell’arancia, le nocciole. Ho tritato 10 sec. vel. 7-8.

Ho aggiunto la mela sbucciata e tagliata a pezzetti molto piccoli e tutti gli altri ingredienti (escluso il cioccolato e la crema di latte). Impastare 30 sec. vel. 4.

Ho messo l’impasto su di un piano di lavoro leggermente infarinato e ho formato due cilindri. Li ho avvolti nella pellicola trasparente e li ho riposti in frigo per 15-20 minuti.

Trascorso questo tempo, ho preso i cilindri dal frigo, ho tolto la pellicola ed ho ricavato da questi dei dischetti alti circa un cm.

Li ho posizionati su di una teglia ricoperta di carta forno.

Ho messo in forno preriscaldato a 180°C e li ho fatti cuocere per circa 25 minuti.

Li ho lasciati raffreddare.

Nel frattempo ho sciolto il cioccolato nel microonde diluendolo con la crema di latte.

Quando i biscottini sono diventati freddi li ho immersi per metà dentro il cioccolato e quindi li ho messi ad asciugare sopra una gratella ricoperta di carta forno.

Con questa ricetta partecipo allo scambio di ricette di Il Ricettario di Cinzia:

Panini rosa di kamut e pasta madre con patate

Ammetto di essermene dimenticata: avevo rinfrescato il lievito ben 10 giorni fa e poi presa dai vari impegni me lo son dimenticato in frigo. Pensavo di averlo ucciso! Immaginate che cosa si può provare dopo averlo curato per tutti questi mesi…

Invece era sempre lì bello bello che attendeva il momento di mangiare e così l’ho rinfrescato e ho deciso di utilizzarlo per fare questi panini.

La farina di kamut integrale ha attutito il colore rosa di questi panini, ma il sapore che gli ha dato il concentrato di pomodoro, unito alle patate, è davvero ottimo. Provare per credere!

Ingredienti:

  • 200 g di lievito madre rinfrescato
  • 250 g di acqua tiepida
  • 600 g di farina di kamut
  • 200 g di patate lessate
  • 2 cucchiai di concentrato di pomodoro
  • 1 cucchiaino di malto di mais (o zucchero)
  • 20 g di olio EVO
  • 10 g di sale

Procedimento:

Sciogliere il lievito con l’acqua e il malto. Aggiungere la farina, il concentrato di pomodoro, le patate passate nello schiacciapatate e il sale.

Impastare per almeno cinque minuti.

Lasciar lievitare per 5 ore.

Sgonfiare l’impasto e formare dei panini che posizionerete su una placca da forno con della carta.

Coprire e lasciar lievitare ancora 4 ore.

Cuocere in forno a 200°C per 40 minuti.

Proviamo a fare le schiacciatine di Kamut

Cerca di qui, cerca di là, non sono riuscita a trovare una ricetta che mi soddisfi per fare il pane e la pizza col Kamut.

Mi sono informata e  ho scoperto che il kamut contiene una buona quantità di glutine anche se di buona qualità. Non è quindi adatto ai celiaci, ma per la sensibilità presente in casa mia va più che bene, così ha detto il medico.

Ho scoperto anche che il nome “Kamut” è il nome commerciale di questo grano, che in realtà si chiama Khorasan.

E così oggi ho preparato queste focaccine!

Ingredienti:

  • 300 g di farina Mix it
  • 300 g di farina di kamut integrale
  • 1 bustina di lievito secco Vitavegan
  • 350 g di acqua tiepida
  • 20 g di olio EVO
  • 1 cucchiaino di malto
  • 10 g di sale

Procedimento:

In una ciotola (o nel Bimby) mescolare le due farine, lo zucchero e il lievito. Aggiungere l’acqua, l’olio e il sale e impastare (col Bimby 2 minuti a Vel. Spiga).

Mettere in una ciotola e lasciar lievitare finchè non raddoppia di volume (circa un’ora), quindi sgonfiare l’impasto e dare la forma che desiderate alle focaccine.

Condirle con olio e sale e se lo desiderate cospargete anche con rosmarino (la nostra bellissima pianta di rosmarino purtroppo ci ha abbandonati!), o con olive o con pomodorini.

Cuocere in forno a 250°C finchè non cominceranno a colorirsi.

Sono extrabuone!