Pollo piccante al limone

_1070467

Dopo tutte le cene e i pranzi di questi giorni è un piacere ritrovarsi a tavola a mangiare qualcosa di poco elaborato e che non appesantisca. Ecco perchè oggi ho deciso di mettere sulla mia tavola questo piatto che, se ben cotto, con la sua pellicina croccante e saporita è davvero una delizia! E… vi dico un segreto, una volta finito il pollo i miei figli si litigano la teglia per farci la scarpetta: una cosa che quasi non si può guardare se non fossero bambini!

Ho scelto il galletto livornese, tipico appunto della mia zona, perchè ha delle carni davvero tenere.

Ingredienti:

Procedimento:

Strinare il pollo per togliere eventuali residui di piume e peli. Tagliare il pollo a piccoli pezzi e lavarlo bene sotto l’acqua corrente. Asciugarlo con della carta assorbente da cucina. Oliare leggermente ogni pezzo.

Mescolare in un piatto due cucchiai di insaporitore per carni arrosto e ai ferri Ariosto con un cucchiaio di aglio e peperoncino Ariosto e con questo condire i pezzi di pollo e posizionarli in un tegame da forno sul cui fondo avrete messo un cucchiaio di olio. Grattugiate la scorza del limone e distribuitela sopra il pollo, quindi spremervi anche il succo.

Coprire la teglia con della carta di alluminio e quindi infornare a 180-200° per circa mezz’ora, quindi togliere l’alluminio e rigirare i pezzi di pollo. Aggiungere le olive. Reinfornare per altri 30 minuti accendendo il grill. Dieci minuti prima di togliere dal forno, rigirare ancora e bagnare col vino bianco. Il pollo sarà cotto quando sarà ben rosolato.

Servire accompagnando con delle patate arrosto.

Pollo al limone piccante_01

 

 

Pollo alla birra con crosticina croccante

Eh si! Perchè a noi piace così e spesso litighiamo per contenderci l’ultimo pezzettino di pelle croccante!

Si, lo so bene che non è proprio la parte più salutare del pollo, soprattutto se è un pollo di allevamento, ma questa volta me lo sono scelto con cura e poi come dice il detto? “Quel che non ammazza, ingrassa!” e in questo caso è proprio vero, perchè la pelle è l’unica parte grassa di questo animale!

Ieri sera, poi, è stata più dura del solito renderlo croccante, perchè la birra non si asciugava. Alla fine però è risultato ancora più buono perchè proprio la birra gli ha reso i suoi aromi, lasciandolo davvero tenero, quasi si sfaceva in bocca senza bisogno di masticarlo!

Ingredienti:

  • 1 pollo, già pulito e possibilmente tagliato a pezzi
  • sale
  • rosmarino
  • aglio
  • 1 bicchiere di birra chiara
  • olio EVO

Procedimento: 

Lavare il pollo e asciugarlo con uno scottex. Posizionarlo su di una teglia da forno con la parte della pelle rivolta verso il basso, ungerlo appena con un po’ di olio e condirlo col sale, il rosmarino e l’aglio (se lo gradite anche il pepe).

Accendere il forno a 200°C e quando ha raggiunto la temperatura, infornare.

Il pollo prevede una cottura piuttosto lunga, io in genere lo cuocio per almeno un’ora.

A metà cottura, girare il pollo e bagnarlo con la birra. Cuocere l’altra mezz’ora posizionando il forno su la funzione ventilata in modo che la birra evapori e il pollo si asciughi formando una bella crosticina.

Servire ben caldo.