Flan di topinambur con verza saltata e noci

Flan di topinambur_01

I topinambur, questi sconosciuti! Si, altro ingrediente di cui avevo sentito solo parlare ma che non avevo mai assaggiato nè tantomeno cucinato. Ma quando compro le riviste di cucina e vedo delle belle foto e delle ricette che mi ispirano non posso resistere e così, di corsa al negozio bio a prendere una confezione di topinambur e un bel cavolo verza.

La ricetta in questione è tratta dal numero di Novembre di Cucina Naturale.

Il topinambur è un tubero molto simile alla patata, ma ricco di fibre e povero di calorie indicato per i diabetici perchè riduce l’assorbimento degli zuccheri da parte dell’intestino. Come sapore ricorda vagamente il carciofo e come il carciofo, una volta sbucciato occorre metterlo in acqua acidulata per evitare che annerisca.

Si può cucinare in molti modi, in purè, fritto, saltato in padella, nel risotto ma anche a crudo in pinzimonio.

Flan di topinambur_02

Ingredienti per 4 flan:

  • 500 g di topinambur
  • 1 cavolo verza piccolo
  • 30 g di gherigli di noci
  • 1 scalogno
  • 1 bicchiere e mezzo di latte di soia
  • mezzo limone
  • 2 cucchiaini di agar agar
  • olio EVO
  • sale
  • pepe

Procedimento:

Pelare i topinambur, lavarli e affettarli e immergerli man mano in acqua acidulata in modo che non anneriscano.

Tritare lo scalogno e rosolarlo in padella con un cucchiaio di olio EVO, quindi aggiungete i topinambur sgocciolati. Fateli stufare per circa 15 minuti aggiungendo dell’acqua se necessario per portarli a cottura. Salare.

Sciogliere l’agar agar nel latte di soia e portare a bollore, quindi unire i topinambur e frullare il tutto.

Rimettere il frullato sul fuoco e farlo sobbollire per circa 5 minuti ancora, quindi spegnere e far riposare per una decina di minuti prima di versarlo negli stampini. Fate raffreddare gli stampini e metteteli in frigo.

Al momento di servire i vostri flan, tirateli fuori dal frigo e immergeteli in una pentola di acqua calda (non bollente altrimenti l’agar agar si scioglie) per qualche minuto in modo da scaldarli un po’.

Affettare nel frattempo la verza finemente e saltarla in una padella con poco olio finchè si comincerà ad ammorbidire.

Sformare i flan in un piatto e guarnirli con la verza e le noci tagliate grossolanamente. Passare un filo di olio e pepare.

Flan di topinambur_03

 

Trovate questa ricetta anche sul Circolo dei BloGustai:

testata blogustai ridotto

Con questa ricetta  SALATA partecipo al contest Felici e Curiosi di Ravanello Curioso e Le delizie di Feli:

ravanello_banner03

Cous cous invernale con ceci, verdure e curcuma

Il freddo sta sempre più inesorabilmente bussando alle nostre porte e ormai non ci resta che arrenderci al (per me) triste destino e affrontarlo come meglio si può! Invidio gli animali che possono andare in letargo, ma per noi umani ciò non è possibile e perciò tiriamo giù dall’armadio cappotti, sciarpe e guanti e, pieni di coraggio, affrontiamo anche le intemperie più impietose!

A proposito di cappotti, sciarpe e guanti mi sovviene un dolce ricordo della prima infanzia di mio figlio, quando pronunciava tutte le parole mettendogli come iniziale la “P” (escluso per il suo PaPà, perchè lo chiamava ‘a’à) e al momento di uscire di casa prendeva “le pappe, il pappello, e il pappotto”!

Ma tornando al nostro freddo novembre, noi cerchiamo di riscaldarci anche cucinando quelle pietanze che ci riscaldano anche internamente, come zuppe, minestre, polente… utilizzando gli ingredienti tipici di questa stagione molto generosa: castagne, funghi, cavoli, zucche…

Ripropongo perciò quest’oggi una ricetta che faccio spesso in questo periodo, aggiungendo a quella che già avevo pubblicato un po’ di curcuma che credo si sposi benissimo col cous cous. Un piatto molto prelibato che ho avuto la fortuna di assaggiare la prima volta in Tunisia, dove si sa che le spezie fanno da padrone e vengono vendute nei suk in un’esplosione di colori e di odori.

Ingredienti per 4 persone:

  • 250 g di cous cous bianco Ecor
  • mezzo peperone giallo
  • 100 g di verza
  • 1 grossa patata
  • 2 carote
  • 2 zucchine
  • 120 g di ceci lessati
  • 250 g di pomodori pelati e schiacciati
  • 1 scalogno
  • olio EVO Dante
  • 1 cucchiaio di curcuma
  • 1 peperoncino
  • sale

Preparazione:

Pulire e lavare le verdure. Tagliare le carote , le zucchine, le patate e il peperone in piccoli pezzi. Ridurre la verza a striscioline.

Tritare lo scalogno e metterlo in una pentola capace con tre cucchiai di olio EVO Dante e il peperoncino spezzetato.

Accendere la fiamma e appena lo scalogno comincia a soffriggere, unire le patate, le carote e i ceci. Far insaporire bene per 5-8 minuti, quindi unire la passata di pomodoro e mescolare bene. Cuocere ancora 10 minuti e aggiungere la verza e il peperone. Salare e mescolare ancora. Coprire le verdure con dell’acqua bollente, unire la curcuma e proseguire la cottura senza coperchio finchè le verdure saranno cotte e l’acqua si sarà assorbita.

Mettere il cous cous in un recipiente. Versarvi sopra due cucchiai di olio EVO Dante e mescolare bene. Mettere 250 g di acqua sul fuoco e appena bolle versarla nel cous cous. Mescolare appena. Chiudere con un coperichio e lasciar riposare 5 minuti. Al termine di questo tempo vedrete che il cous cous avrà “bevuto” tutta la vostra acqua. Ora con una forchetta sgranatelo bene.

Versare sopra il cous cous le verdure e servire ben caldo!

Trovate questa ricetta anche nel Circolo dei Blogustai:

testata blogustai ridotto

Con questa ricetta partecipo al contest Felici e Curiosi di Ravanello Curioso e Le delizie di Feli:

e al contest de La Cultura del Frumento

:

Gnocchi di patate e verza, con salsiccia affumicata e birra

Ricetta inviatami da Daniele Goldoni per partecipare al mio contest:

Ingredienti per 4 persone:

  • 120  gr di salsiccia affumicata
  • 1/2 cipolla rossa
  • 1 bicchiere di birra artigianale chiara  weiss di frumento

  • 1 cucchiaio di olio evo

  • 200 ml di panna da cucina vegetale
  • 600 gr di patate a pasta farinosa (a pasta bianca, oppure a buccia rossa)
  • 150-250 gr di farina (a seconda di quanta ne “richiede”

    l’impasto)

  • sale q.b
  • 8 foglie di verza

  • Parmiggiano reggiano q.b

Preparazione:

Pelate e tagliate a pezzi le patate, lavate le foglie di verza.

Mettete le patate e la verza in una pentola con abbondate acqua salata e fate cuocere bene.

Prendete un mixer e ancora calde le patate, la verza e la farina e impastate.

Con l’impasto ottenuto ricavateci gli gnocchi.

In una padella mettere l’olio, la cipolla e la salsiccia e fare rosolare il tutto x alcuni minuti aggiungere la birra e fare andare per 5 -10 minuti ed in fine aggiungere la panna.

Cuocete gli gnocchi e poi passarli nella padella ed amalgamare il tutto alla salsa ottenuta.

Servire con una spolverata di Parmiggiano Reggiano.

Pacchettini di verza

Tante volte vogliamo portare in tavola cose diverse (dalla solita “zuppa”) utilizzando magari ingredienti genuini e che fanno bene alla salute. Però non sempre è facile, soprattutto quando si hanno bambini piccoli che come vedono qualcosa di “verde” cominciano a rabbrividire e a far boccacce. E così non ci resta altro che dare un aspetto particolare alle nostre preparazioni.

Oggi avevo comprato questo cavolo verza e così mi sono cimentata nella preparazione di questi involtini, dandogli però un aspetto più simpatico: dei pacchettini! Ma che cosa ci sarà dentro questi pacchettini? Vediamo insieme la ricetta!

Ingredienti: 

  • 8-10 foglie di verza
  • 300 g di macinato
  • 30 g di parmigiano
  • 100 g di ricotta
  • 1 spicchio di aglio
  • prezzemolo
  • passata di pomodoro
  • olio EVO
  • 1 uovo

Preparazione: 

Lavare la verza e bollirla per qualche minuto in acqua salata (se si desidera bollire anche le foglie di verza non intere che si potranno mescolare all’impasto). Toglierle dall’acqua, farle sgocciolare e raffreddare.

Tritare  metà prezzemolo e unireil parmigiano grattugiato.

In una ciotola mescolare la carne con il parmigiano e il prezzemolo, l’uovo e la ricotta e gli eventuali avanzi di verza tritati col coltello. Salare.

Stendere delicatamente su di un piano di lavoro le foglie di verza e tagliare il torsolo.

Mettere al centro di ogni foglia un cucchiaio di impasto e chiudere a pacchettino fissandolo con il filo da cucina.

Tritare il restante prezzemolo insieme all’aglio e metterlo in una padella insieme a due cucchiai di olio. Far soffriggere leggermente e unire la passata di pomodoro. Salare e far cuocere per una decina di minuti, quindi adagiarvi i pacchettini e coprire.

Cuocere una ventina di minuti e poi servire ben caldi.