Pomodorini ripieni di carne

Pomodorini e carne_01

Ve lo avevo promesso: prima che l’estate finisca sarei tornata con una nuova ricetta con i pomodori, altrimenti non mi chiamo più Paneepomodoro!!!

E quindi, in extremis, ma eccomi. Infondo in questo periodo riusciamo ancora a trovare degli ottimi pomodorini che si prestano a meraviglia per questa ricetta, da gustare calda ma anche fredda (io li ho portati anche al mare), quasi un finger food a seconda dei pomodorini che userete. Io, per esempio, ho utilizzato dei Piccadilly che si mangiano in due bocconi, uno per le bocche più voraci!!!

Sono abbastanza veloci da preparare e potete congelarli e utilizzarli poi al momento semplicemente scaldandoli in forno.

Pomodorini e carne_02

Ingredienti per circa 50 pomodorini:

  • 300 g di carne di manzo macinata
  • 1 uovo
  • 50 g di parmigiano grattugiato
  • la scorza di un limone
  • una manciata di prezzemolo
  • 1 spicchio di aglio
  • 50 pomodorini tipo Piccadilly
  • sale

Procedimento:

Tagliare la calotta a ogni pomodorino, svuotarlo dell’acqua e dei semi, salarlo leggermente internamente e metterlo a scolare a testa in giù per un’ora circa.

Preparare il ripieno mescolando la carne macinata con il formaggio, l’uovo, il prezzemolo e il sale. Amalgamare bene questo composto. Aggiungere anche la scorza di limone grattugiata. Mescolare ancora.

Riempire con questo composto ogni pomodorino e coprire ognuno con la calotta messa da parte.

Ungere con poco olio una teglia da forno e posizionare in piedi i pomodorini.

Infornare a 200°C per 20 minuti e, se necessario, a fine cottura accendere anche un po’ il grill per colorirli leggermente.

Pomodorini e carne_03

 

Annunci

Involtini di foglie di vite

Libano, Grecia (Dolmadakia Yialantzì o Dolmades), Romania (Sarmale in foi de vita)… insomma non c’è un paese natale vero e proprio per questi involtini, ma la zona è quella e se c’è un paese che vorrei tanto visitare quello è proprio la Grecia. Al momento, ahimè, questo non è possibile ed ecco che la cucina viene in mio aiuto anche in questi casi: assaggiare il cibo del paese dove vorremmo andare ci fa avvicinare un po’ più ad esso e se è un paese dove già siamo stati, i piatti tipici con i loro sapori ci riportano là con la mente e con il cuore. L’importante è avere a disposizione delle foglie di vite non trattate oppure recarsi in un negozio di prodotti bio o specializzato in prodotti esotici e troverete le foglie in barattolo. Se poi avrete la possibilità e questa ricetta sarà di vostro gradimento, potrete sempre farne una bella scorta da congelare. Consiglio comunque di raccogliere le foglie in primavera quando sono più tenere e non in autunno quando sono più coriacee. In pratica, non fate come ho fatto io! Gli involtini verranno buoni ugualmente, ma non tutti mangeranno… la foglia! Ingredienti:

  • 10-12 foglie di vite
  • 350 g di carne di manzo macinata
  • 200 g di riso
  • 2 piccole cipolle bionde
  • olio EVO Dante
  • una decina di foglioline di menta
  • 1 limone e mezzo
  • tsatziki (facoltativo)

Procedimento: Lavare le foglie di vite accuratamente. Mettere sul fuoco una pentola di acqua e quando bolle immergervi le foglie per 1 minuto, quindi scolarle e immergerle in acqua fredda. Scolarle nuovamente e stenderle su un canovaccio. Se occorre, tagliare loro i gambi. Tritare la cipolla con il coltello e metterla in una pentola con tre cucchiai di olio EVO Dante. Appena comincerà a rosolare aggiungete la carne macinata, mescolate bene e unite quindi anche il riso. Salare e cuocere per 4-5 minuti. Quindi spegnere il fuoco, sbriciolarvi sopra la menta e disporre un cucchiaio di questo preparato su ogni foglia di vite. Chiudere le foglie sopra il riso cominciando dai laterali e arrotolando l’involtino sulla parte superiore. Distribuire ogni involtino in una pentola dal fondo largo e dai bordi bassi facendo in modo che stiano stretti l’uno con l’altro. Ricoprire gli involtini con succo di limone e acqua. Posizionarvi sopra un piatto fondo girato a pancia in giù (questo servirà a tenere fermi gli involtini durante la cottura in modo che non si aprano) e chiudere con il coperchio della pentola. Cuocere per circa 50 minuti a fiamma bassa. La tradizione vuole che questi involtini siano serviti freddi e con accompagnamento dello tsatziki o dello yogurt greco. Noi abbiamo preferito mangiarli leggermente tiepidi.

Approfitto di questo post per informarVi che da oggi è possibile acquistare l’Olio Dante anche on line grazie al nuovo “Dante Store”, l’innovativo sito e-commerce degli Oleifici Mataluni pensato per una esperienza di acquisto virtuale.

Ordinare l’olio arricchito con la vitamina D, comodamente da casa e senza costi di spedizione, è semplice come un click: collegandosi su www.dantestore.com, è possibile visualizzare le tabelle nutrizionali, il packaging, le schede per l’impiego in cucina e le destinazioni gratuite.

Su Dante Store è già disponibile il nuovo Olio Condisano, ideato e prodotto dal Centro di ricerca degli Oleifici Mataluni in collaborazione con il Dipartimento di Endocrinologia e Oncologia Molecolare e Clinica, e con il Dipartimento di Scienza degli Alimenti dell’Università di Napoli “Federico II”.

Condisano, in vendita al prezzo di scaffale e nell’innovativo packaging ecosostenibile in PET – più leggero del vetro, più pratico e 100% riciclabile – è presente con due diverse referenze: Extravergine “100% Italiano” con vitamina D, per chi preferisce esaltare il sapore del cibo con le note fruttate e decise di Olio Dante; Olio di Oliva con vitamina D, per chi predilige un condimento più delicato.

In esclusiva su Dante Store, oltre al tradizionale formato da 1 litro, anche la pratica bottiglia di Olio Condisano Extravergine “100% Italiano” nella versione da 250 ml, per soddisfare le diverse esigenze legate allo stile di vita, al benessere e alle abitudini alimentari.

Registrandosi al sito e alla newsletter su www.dantestore.com, si potranno controllare tutti gli ordini dal proprio account, mentre nella comoda “Shopping Bag” verranno annotati gli articoli selezionati, proprio come se si avesse il carrello della spesa a portata di mano.

Collegati su www.dantestore.com, iscriviti alla newsletter e scopri tutte le destinazioni con spedizione gratuita!

Con questa ricetta partecipo al contest di Divertirsi Mangiando:

Zucchine ripiene

Torno finalmente a prendermi cura del mio blog. Si, perchè sebbene io adori l’estate, la frenesia di questi giorni unita al caldo costante mi hanno tenuta lontana sia dalla mia cucina, sia dal mio pc ma soprattutto dalla mia amata creatura.

Torno dunque quest’oggi perchè Poppea (così chiamata la perturbazione di questi giorni) ci ha portato un po’ di refrigerio insieme ad un bel temporale e con questi mi è tornata la voglia di stare in cucina e di mangiare qualcosa di caldo, sebbene questo piatto si degusti anche freddo.

Gli zucchini ripieni sono un classico che mi ha insegnato a fare mia madre ed è davvero un piatto unico che soddisfa un po’ tutti i palati di casa.

Ingredienti:

  • 8 zucchine grandi
  • 300 g di macinato di manzo
  • prezzemolo
  • 2 spicchi di aglio
  • 40 g di parmigiano grattugiato
  • 1 panino
  • sale
  • olio EVO
  • 400 g di passata di pomodoro

 

Procedimento:

Lavare le zucchine. Togliere le estremità e scavarle con l’apposito attrezzo.

Preparare il ripieno mescolando il macinato con uno spicchio di aglio tritato, il parmigiano, un po’ di  prezzemolo tritato e il panino precedentemente ammollato in acqua e poi strizzato. Salare.

Riempire le zucchine.

In una pentola dai bordi bassi e piuttosto larga mettere l’altro spicchio di aglio sbucciato a rosolare con due cucchiai di olio EVO, quindi toglierlo e unire il prezzemolo tritato rimanente e il pomodoro passato (se lo si desidera anche un po’ di peperoncino tritato). Salare.

Appena il pomodoro comincerà a sobbollire, disporre nella pentola le zucchine, cercando poi di coprire ognuna con dei cucchiai di pomodoro. Coprire con il coperchio e proseguire la cottura per 30 minuti avendo cura di rigirare le zucchine di tanto in tanto.

Una volta cotte, lasciar riposare le zucchine 10-15 minuti, quindi tagliarle a rondelle e servirle!

 

Friggitielli ripieni

Ultimamente mi sono fatta prendere dalla mania delle riviste di cucina, mania dalla quale mi ero dovuta disintossicare anni fa causa spazio (eh si, perchè poi non riesco a buttarli via!). E quindi ho ricominciato a comprare tutti i mesi “La Cucina Italiana” (la mia preferita) e ultimamente anche “Alice”, che da poco tempo oltre ad essere un canale Sky dove si parla prettamente di cucina, è diventata anche una rivista dove gli chef della trasmissione illustrano le loro ricette.

Ed è proprio su quest’ultima rivista che ho trovato questa sfiziosissima ricetta di Sergio Maria Teutonico. Appena ho visto questi bellissimi peperoni ripieni in mezzo a tante pi classiche verdure, mi son detta che avrei dovuto assolutamente provarla, ma qualcuno ci aveva già pensato prima di me e per me è stata una conferma del fatto che non potevano essere che buoni, infatti Cle di Ma che Bontà, che seguo assiduamente, li aveva già messi nel piatto!

Ingredienti:

  • 12 grossi friggitielli
  • 100 g di carne di vitello macinata
  • 1  salsiccia
  • 50 g di cacioricotta (io l’ho sostituita con la stessa quantità di parmigiano)
  • 1 uovo
  • 1 scorzetta di arancia (io di limone)
  • 2 albicocche mature (facoltative, io non le avevo)
  • timo
  • maggiorana
  • olio EVO
  • sale

Procedimento:

Lavare e asciugare i friggitielli. Tagliare ad ognuno il peduncolo in modo da ricavare dei coperchietti. Svuotare i friggitielli dai semi. Versarvi all’interno poche gocce di olio. Incidere la punta dei friggitielli per evitare che durante la cottura si possano rompere.

Preparare il ripieno mescolando la carne macinata con la salsiccia spellata. Unire il formaggio, l’uovo, il timo, la maggiorana e il sale. Amalgamare bene questo composto. Aggiungere anche le albicocche tagliate a cubetti piccolissimi e la scorza di limone o arancia grattugiata. Mescolare ancora.

Farcire i friggitielli con il composto riempiendoli per tre quarti. Mettere il coperchio ad ognuno appuntandolo con uno stecchino.

Ungere con un filo d’olio una pirofila da forno e posizionare i friggitielli. Irrorare con altro poco olio e infornare a 160°C per circa 20 minuti, facendo attenzione a che non abbrustoliscano.

Sono buonissimi sia caldi che freddi.

 

 

 

Micropolpette

Io non amo friggere! L’ho detto altre volte, però alla fine finisco sempre per farlo almeno una volta alla settimana! Non ne posso proprio fare a meno, fosse solo per accontentare i bambini (eh, bella scusa!).

Queste polpette, poi, detto tra noi, sarebbero state buone anche cotte in un bel sughetto al pomodoro però, per dirla tutta, così sono insuperabili!!!

E poi vi racconto una cosa che non fa tanto chic, ma noi ci siamo divertiti un mondo a schiccerarle sul piatto come si fa con le biglie! Perchè piccolo, oltre a fare tanto finger, riempie di più gli occhi e… la pancia anche dei bambini!!!

E’ una ricetta classica: sono state rivisitate solo le sue dimensioni. Per i bambini sono state servite con delle patatine fritte, per noi adulti (che cercano sempre di fare un po’ di dieta) le abbiamo adagiate su di un letto di insalatina.

Ingredienti: 

  • 300 g di macinato di carne
  • 60 g di parmigiano
  • 1 spicchio di aglio
  • 1 uovo
  • una manciata di prezzemolo
  • sale
  • olio per friggere
  • pane grattato

Procedimento: 

Per questa ricetta io ho utilizzato il Bimby per poter velocizzare, ma è possibile impastare in una ciotola, grattugiando il parmigiano a parte.

Se avete la fortuna di averlo potete tritare il parmigiano con l’aglio e il prezzemolo a Vel. 7 per pochi secondi. Si aggiunge il macinato, l’uovo e il sale e si mescola a Vel. 4-5 per 15 secondi.

Formare le polpettine e rotolarle nel pan grattato.

Scaldare l’olio e quando avrà raggiunto la giusta temperatura immergervi le polpettine e cuocerle fintanto che non cominceranno a colorirsi.

 

Il polpettone nel plumcake o il plumcake al polpettone?

Mi trovavo su facebook a chiacchierare con un po’ di foodblogger. Voglia di preparare cena ZERO e nel frigo poco o niente perchè in questi giorni che ha nevicato mi son guardata bene dall’uscire, anzi, in previsione di ciò avevo fatto un po’ di rifornimento! Avevo quindi da usare la carne macinata (che avevo comprato per fare il ragù) e così, tra un consiglio e l’altro è venuto fuori questo impasto! Ringrazio quindi Mariacristina di Pillole Culinarie, Monia de Il gusto del laboratorio magico e La Cucina di Federica per avermi dato dei buoni consigli. L’idea del plumcake però è tutta mia, perchè ad un certo punto ho visto che si stava facendo tardi e quindi ho versato tutto l’impasto che serviva per le polpette dentro allo stampo ed ho infornato.  Ingredienti:

  • 300 g di carne macinata
  • 1 uovo
  • mezza cipolla
  • 1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
  • 1 spicchio di aglio
  • 1 cucchiaio di pangrattato
  • 60 g di parmigiano reggiano

Preparazione: In una padella scaldare un po’ di olio e far soffriggere leggermente la cipolla tagliata finemente e il prezzemolo tritato. Unire il macinato, mescolare bene e salare. Inserire anche il passato di pomodoro. Far insaporire e cospargere col pangrattato.

Far raffreddare leggermente.

In una scodella sbattere l’uovo, aggiungere  il formaggio e mescolare bene.

Versarvi la carne e amalgamare bene gli ingredienti. Mettere il composto nello stampo da plumcake in silicone (o in altro precedemente oliato e infarinato) e cuocere in forno per circa 30 minuti a 180°C.

Servire con una salsa a base di vino bianco.

Pacchettini di verza

Tante volte vogliamo portare in tavola cose diverse (dalla solita “zuppa”) utilizzando magari ingredienti genuini e che fanno bene alla salute. Però non sempre è facile, soprattutto quando si hanno bambini piccoli che come vedono qualcosa di “verde” cominciano a rabbrividire e a far boccacce. E così non ci resta altro che dare un aspetto particolare alle nostre preparazioni.

Oggi avevo comprato questo cavolo verza e così mi sono cimentata nella preparazione di questi involtini, dandogli però un aspetto più simpatico: dei pacchettini! Ma che cosa ci sarà dentro questi pacchettini? Vediamo insieme la ricetta!

Ingredienti: 

  • 8-10 foglie di verza
  • 300 g di macinato
  • 30 g di parmigiano
  • 100 g di ricotta
  • 1 spicchio di aglio
  • prezzemolo
  • passata di pomodoro
  • olio EVO
  • 1 uovo

Preparazione: 

Lavare la verza e bollirla per qualche minuto in acqua salata (se si desidera bollire anche le foglie di verza non intere che si potranno mescolare all’impasto). Toglierle dall’acqua, farle sgocciolare e raffreddare.

Tritare  metà prezzemolo e unireil parmigiano grattugiato.

In una ciotola mescolare la carne con il parmigiano e il prezzemolo, l’uovo e la ricotta e gli eventuali avanzi di verza tritati col coltello. Salare.

Stendere delicatamente su di un piano di lavoro le foglie di verza e tagliare il torsolo.

Mettere al centro di ogni foglia un cucchiaio di impasto e chiudere a pacchettino fissandolo con il filo da cucina.

Tritare il restante prezzemolo insieme all’aglio e metterlo in una padella insieme a due cucchiai di olio. Far soffriggere leggermente e unire la passata di pomodoro. Salare e far cuocere per una decina di minuti, quindi adagiarvi i pacchettini e coprire.

Cuocere una ventina di minuti e poi servire ben caldi.